Interviste agli Chef – Alessandro Borghese

Abbiamo intervistato per voi lo Chef Alessandro Borghese

Persone

Abbiamo intervistato per voi gli chef che hanno partecipato agli showcooking di Aria di Festa per presentare al pubblico le loro ricette col Prosciutto di San Daniele. Alessandro Borghese dopo gli studi all’American Overseas School di Roma, si imbarca sulle navi da crociera per tre anni. In seguito gira il mondo lavorando nei ristoranti di Londra, New York, Parigi, finchè non fa rientro in Italia dove si fa conoscere sul grande schermo con il suo programma più famoso: “4 ristoranti”. Nel 2017 apre il suo ristorante a Milano: “Alessandro Borghese – il lusso della semplicità”.

Interviste chef alessandro borghese

Cosa significa per te cucinare?

La cucina deve essere rock e qualcosa di divertente, anche se spesso e volentieri viene presa troppo sul serio. Cucinare, invece, dev’essere un atto d’amore, il cuoco si dona, lavora per gli altri. Nei ristoranti deve esserci serenità, convivialità dev’essere un posto dove il cliente deve stare bene.

Quindi che atmosfera dovrebbe esserci nei ristoranti?

Nei ristoranti deve esserci serenità, convivialità. Il ristorante dovrebbe essere un posto dove il cliente possa stare bene e rilassarsi.

Qual è la caratteristica che preferisci del Prosciutto di San Daniele?

La sua bontà, sono un gran mangiatore di questo prosciutto. In particolare mi piace che sia un prodotto totalmente naturale e semplice, composto di solo tre ingredienti: la coscia del suino, il sale marino e la vostra aria di San Daniele.

Il tuo piatto cucinoso? Quello che ti riporta alla tua infanzia.

Senza dubbio la pasta e patate, perché era il piatto che mi preparava spesso mio padre alla domenica. Praticamente è una pasta mischiata, ossia con gli scarti di pasta avanzata, e l’aggiunta di patate e provola affumicata lasciata a mantecare. I più temerari ci aggiungono anche la pancetta.

Tre prodotti che non mancano mai nella tua dispensa?

Sicuramente ti dico: il parmigiano, le acciughe, olio EVO e un buon vino.

Qual è il tuo rapporto con le piastre a induzione?

Nutro una certa avversione per le piastre a induzione, tuttavia bisogna ammettere che sono molto pratiche e comode per la pulizia. Il fuoco, invece, è sentimento e quindi mi sento più un figlio dei fuochi.

Come definiresti la tua cucina?

Facile: rock’n’roll!

Interviste chef alessandro borghese

La ricetta di Alessandro Borghese col Prosciutto di San Daniele

Scopri sul nostro Magazine chi sono gli altri chef che abbiamo intervistato