Gorizia, la perla che guarda ad Est

Una città che riserva sorprese inaspettate, con una storia lunga mille anni.

Territorio

Quante perle il Friuli Venezia Giulia abbia da regalare è difficile contarle. Spesso sparse, spesso poco pubblicizzate. Eppure incastonate in ogni angolo della Regione che dà i natali al Prosciutto San Daniele Dop. Nel nostro percorso di esplorazione dei meandri del Friuli, oggi facciamo tappa a Gorizia.

Gorizia, per dimensioni, è il quarto capoluogo della Regione. Conta poco più di 30mila abitanti. E si trova ai piedi delle Alpi Giulie, esattamente al confine con la Slovenia, tra l’Isonzo e il Vipacco, fiumi che confluiscono proprio in questa zona. Dista una sessantina di chilometri dalla nostra San Daniele. E presenta tutte le tipicità di una cittadina friulana densa di storia.

Storia e monumenti

Di Gorizia si ha notizia sin dal 1000 d.C., sullo sfondo di una storia che la rimbalza prima sotto il protettorato di Aquileia, poi Venezia, poi l’Austria. Fino a che, arrivando alla prima metà del secolo scorso, viene formalmente annessa all’Italia (e separata a metà, con la parte slovena denominato Nova Gorica), dopo essere stata simbolo della Grande Guerra.

Gorizia è una cittadina dai confini limitati, ma osservata dall’alto da quello che è il suo punto più caratteristico: il Castello. Nelle cui vicinanze si erge il centro storico, con la Cappella del Santo Spirito, nonché il borgo medievale. Gorizia è anche una città di piazze, da quella di Piazza Vittoria (dove dominano la Chiesa di Sant’Ignazio e la Casa Torriana) alla splendida Sant’Antonio, sulla quale si affacciano il Palazzo dei Baroni Lantieri e il Palazzo dei Conti di Strassoldo.

Gorizia, le aree verdi

Gorizia è una città particolare anche in virtù delle sue aree verdi, disseminate in tutta la sua superficie. Dal Parco della Rimembranza a quello del Castello, passando per il giardino Viatori, è un susseguirsi di zone verdi nelle quali spesso sono custoditi monumenti dedicati a personalità militari o letterarie.

Gusti di Frontiera

Inoltre, ogni settembre, a Gorizia si tiene uno degli eventi che più hanno richiamo nell’intero Triveneto: Gusti di Frontiera. Una quattro giorni nei quali la città viene letteralmente invasa da centinaia di stand, con i migliori prodotti e piatti enogastronomici dai quattro angoli del globo.

Insomma, nel raggio di pochi chilometri dalla nostra base a San Daniele, le perle che si possono esplorare sono moltissime. E Gorizia fa a pieno titolo parte di una di quelle tappe che, percorrendo il Friuli Venezia Giulia, sono obbligatorie.

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità
dal mondo del Prosciutto di San Daniele?

Per restare aggiornato sul mondo del Prosciutto di San Daniele seguici sui nostri Social

facebook iconinstagram icon

11 marzo 2020

Condividi l'articolo su: