Collio, il piacere del vino friulano a pochi km da San Daniele.

Sul Collio nascono i migliori vini italiani. Un viaggio in una delle zone più conosciute del Friuli, alla scoperta di qualche novità e molte sorprese!

Territorio
Collio

Pensi al Friuli e, certo, il nostro Prosciutto di San Daniele è lì nell’immaginario collettivo. D’altronde, come si può resistere a una simile bontà? C’è però da dire che il Friuli Venezia Giulia ha una grande fama anche per quanto riguarda i vini. Tutto il territorio friulano è tradizionalmente dedito a una grande produzione vinicola. Ma è indubbiamente il Collio a farla da padrone, soprattutto per la splendida qualità dei suoi vitigni.

Cos’è il Collio?

Si chiama Collio una precisa zona geografica del Friuli. Che si estende nella zona est della regione, nei territori limitrofi a Gorizia. Delimitata tra il fiume Isonzo e lo Iudrio, comprende comuni come quello di Cormons, di Capriva del Friuli, Dolegna e pochi altri. È importante sottolineare come questa zona non sia prerogativa solamente friulana, ma si estende anche in territorio Sloveno.

Cosa vedere sul Collio?

Il Collio è una di quelle zone nelle quali forse non spicca nulla in particolare. Per un semplice motivo: è tutto mozzafiato. Castelli, bastioni, colline dai pendii dolcissimi, case antiche, piccoli borghi. Insomma, un vero e proprio luogo senza tempo. Nel quale, più che seguire un preciso itinerario, è bello proprio perdersi.

Se proprio si dovessero indicare un paio di splendidi luoghi, si citino il castello di Trussio a Dolegna, la chiesa di San Floriano, il Castello Formentini. O lo splendido panorama se ci si affaccia dal Monte Quarin.  

Quali vini sul Collio?

Come si diceva, Collio fa rima con vino. È certamente una delle zone più prestigiose in Italia e nel mondo intero per quanto riguarda la produzione vitivinicola. Senza perderci in favoritismi e gusti personali, vi offriamo in rassegna tutto il miglior ben di Dio che potete qui trovare: Sauvignon, Chardonnay, Collio Doc, Ribolla Gialla, Schiopettino, Friulano (il fu Tocai), Pignolo, Picolit, Malvasia, Pinot Bianco e Grigio, Traminer, Riesling, Sauvignon. Bianchi o rossi non fa differenza, tutto quel che un appasionato di vino può desiderare, qui lo troverà.

…ma non solo vino

Si beve molto bene. Ma si mangia altrettanto. Negli itinerari del Collio si trovano tantissime trattorie, osterie che fanno al caso di ogni viaggiatore. Degustando i tipici prodotti della zona (che, vi assicuriamo, regalano emozioni non indifferenti). Inoltre, data la particolarità del territorio, prodotti come olio e ciliegie sono ormai entrati a pieno titolo nelle primizie che questa terra regala.

Insomma, in Friuli Venezia Giulia si mangia un prosciutto straordinario, si beve benissimo, i paesaggi sono magnifici. Che vuoi di più?

23 marzo 2020

Condividi l'articolo su: