In gita negli alpeggi della Carnia

Ritrovare sapori dimenticati fra le incontaminate montagne del Friuli Venezia Giulia

Luoghi
29luglio

C’è una soluzione alle code in autostrada e alle spiagge affollate, che sa di aria fresca e buon mangiare: avete mai considerato di scegliere una meta alternativa per i vostri fine settimana d’agosto?

Le montagne del Friuli Venezia Giulia sono costellate di piccoli tesori enogastronomici, malghe suggestive in cui è possibile gustare delizie autoprodotte e saporiti piatti della tradizione. I malgari della Carnia portano le mandrie a pascolare nei prati in quota, che essendo ricchi di erbe e fiori conferiscono al latte e di conseguenza a burro e formaggi profumi e sapori unici, che variano da malga a malga.29_luglio_piccola

Vale la pena di salire in malga di prima mattina, in modo da poter osservare il bestiame al pascolo e assistere alla lavorazione del latte per la produzione del burro, del tradizionale formaggio di malga e della ricotta, che viene fatta fresca o affumicata. Fra i formaggi tradizionali, si producono anche il Formadi salât a pasta dura, la Scuete frante, un particolare tipo di ricotta aromatizzata e il Formadi frant, un formaggio leggermente piccante, ottenuto rimpastando con sale, pepe, panna e latte le scaglie di formaggi che presentano piccoli difetti.

Tra le montagne della Carnia ce n’è per tutti i gusti. Non si tratta solo di territori adibiti ai pellegrinaggi dei gastro-curiosi; questi luoghi invitano gli avventori a perdersi in paesaggi mozzafiato, farsi coinvolgere in escursioni guidate, dedicarsi ad attività sportive, come il Trekking della Via delle malghe. Sappiate che l’estate è anche il periodo ideale per partecipare alle feste locali che permettono di assaporare appieno l’identità e il gusto del territorio: la Festa del Formaggio Salato e di malga a Sauris (12-15 agosto), la Fiesta Da Polenta a Osteai-Selva di Pieria in Val Pesarina (21-22 agosto), la Mostra mercato del formaggio e della ricotta di malga a Enemonzo (dal 10 settembre).

Foto di Carlo Spaliviero e Mario Verin

29 Luglio 2016