Focaccia friulana, il dolce pasquale della nostra tradizione

Un dolce lievitato che è facile trovare in Friuli Venezia Giulia sulle tavole imbandite per la Pasqua

Cucina
dolce-friuli1

Non fatevi ingannare dal nome. Si chiama focaccia, ma non ha nulla a che vedere con le ben note preparazioni salate di altre regioni. In Friuli la focaccia è per tradizione il dolce di Pasqua, da condividere con amici e parenti nel giorno di festa, da portare in tavola a chiusura del lauto pasto. Si tratta di un dolce lievitato di antica tradizione, la cui preparazione si è tramandata di secolo in secolo, tanto che perfino i Romani si dice abbiano avuto modo di assaggiarlo. Tracce di focaccia friulana si sono trovate anche in un documento del XV secolo che certifica il suo legame con il periodo pasquale.

Talvolta chiamata pete, assume il nome di pinza dalle parti di Trieste dove pare sia usanza mangiarla già la mattina della domenica, magari accompagnata da marmellate, o durante tutto il resto del giorno, in abbinamento con buoni salumi e formaggi locali. Si narra che le triestini la preparassero il giorno prima e in gruppo portassero i loro impasti a cuocere in forni comuni, adatti a questo tipo di cottura.

La focaccia friulana si presenta come una pagnotta dalla forma arrotondata con caratteristici tagli in superficie. Ha un aroma delicato, per nulla complesso, probabilmente perché dopo i sapori forti del pranzo pasquale non c’era bisogno di forzare la mano sul dolce. O forse perché, nella tradizione regionale, i dolci casalinghi sono rustici, senza troppo fronzoli e arricchiti solo da una buona manualità. Infatti è il gran lavoro di braccia l’ingredienti segreto di una preparazione tutto sommato semplice, poiché basata su ingredienti come farina, uova, burro, zucchero ed eventualmente latte, scorze di arancia e limone e un poco di grappa. E, come si suol dire, olio di gomito quanto basta. Perché è proprio il lungo lavoro di impasto, unito all’abilità che avevano le donne di casa di una volta di amalgamare delicatezza e forza, la chiave per una focaccia veramente buona.

24 Marzo 2016